Come faccio a riconoscere i Contenitori per gli abiti usati

Home / Ambiente / Come faccio a riconoscere i Contenitori per gli abiti usati

Come faccio a riconoscere i Contenitori per gli abiti usati

Come faccio a riconoscere i Contenitori per gli abiti usati

Dove vanno a finire i vestiti che riponiamo nei contenitori per gli abiti usati?

Normalmente immaginiamo che lo scopo finale sia quello di darli in donazione o permettere che siano rivenduti per una giusta causa. Ma non è così! Gli indumenti usati sono stati classificati come “rifiuto” con uno specifico codice  CER ( 20 01 10 – 20 01 11) e come tali vanno trattati. Sono materiali post consumo come la carta, plastica… e come tali vanno destinati al recupero ed al riciclo seguendo una specifica filiera di trattamento.

Di fatto se fosse condotta in modo trasparente e incentivata in modo corretto la raccolta potrebbe arrivare ad assorbire circa 6 chili all’anno per persona. Questo rappresenterebbe la linfa di un ciclo virtuoso del prodotto con benefici per l’ambiente e ridistribuzione delle risorse

Pensiamo infatti che quando il ritiro dei vestiti usati viene gestito correttamente per 1 kg di vestiti smessi, si possono risparmiare 6.000 litri d’acqua, 200g di pesticidi e 300g di fertilizzanti.

La raccolta degli indumenti usati, attraverso i cassonetti disponibili nei Comuni italiani, si traduce per il 50-70% nella rivendita e nella donazione ai bisognosi, inviati anche oltreconfine, per il 20-30% nel riciclo e, per il 10%, nello smaltimento.

Un primo modo per accertarsi che la filiera segua questo iter è senz’altro quello di saper riconoscere se i cassonetti dove lasciare i vestiti vecchi siano sospetti.

Raccolta Abiti usati

Contenitori per gli abiti usati: come riconoscerne uno abusivo?

Dove portare gli abiti usati a Roma?

Sui contenitori per gli abiti usati dovremmo sempre trovare i recapiti telefonici e il sito web dell’azienda. Se mancasse un indirizzo fisico o se trovassimo sui cassonetti solo un numero di cellulare dovreste avere dei sospetti.

Un’altra informazione importante che bisognerebbe trovare sui cassonetti è la finalità dell’iniziativa. Se nutriamo dei dubbi su un cassonetto possiamo verificarne la regolarità telefonando al proprio Comune, che possiede la mappatura completa dei contenitori autorizzati per il ritiro dei vestiti usati.

Ridurre lo spreco di vestiti: consigli utili

  • Prova a rivendere i vestiti usati presso un negozio dell’usato o a scambiarlo con amici e parenti se questi sono in buono stato.
  • Se vuoi gettare i vestiti nei contenitori per gli abiti usati mettili in sacchetti ben chiusi (anche accessori e scarpe).
  • Assicurati che il cassonetto appartenga a un servizio autorizzato: cerca sempre il logo, nel dubbio puoi contattare il Comune e chiedere se quel cassonetto è autorizzato oppure il titolare dell’area privata ove esso è presente.
  • Ricorda che i contenitori degli abiti usati non sono una discarica: non portare rifiuti di altro tipo.